Fondazione Ruffilli - Torna alla Home Page
FONDAZIONE ROBERTO RUFFILLI
Ente Morale Riconosciuto
Codice Fiscale 92015140400
Corso Diaz, 116
47121 Forlì
Tel/Fax 0543 26192
Email:
Crediti: Officinemedia

Citizenkit - GUERNICA

"Arte e politica: tre casi di pace, di guerra e di convivenza"

GUERNICA

(Alessandra Righini - Barbara Schiavulli)

25 febbraio 2016, ore 11.15

Musei San Domenico - Sala del Refettorio

Piazza Guido da Montefeltro, 12 - Forlì

 

Il tema della guerra è oggi molto sentito e attuale: lo stesso Papa Francesco afferma che stiamo già vivendo la III Guerra Mondiale. I focolai di guerra che ci circondano impongono una importante meditazione sul concetto di  pace, di violenza, e sull’idea di civiltà. Guernica di Picasso (1937),   un’icona del Novecento,  simbolo della protesta dell’umanità civile contro la violenza,  ci conduce in una riflessione che va oltre l’offensiva nazi-fascista condotta contro la piccola cittadina basca, per diventare un manifesto di tutte le stragi degli innocenti della storia e il grido di protesta, condotto con struggente pathos, contro la barbarie umana.

L’analisi dei significati del quadro sarà condotta dalla prof.ssa Alessandra Righini mostrando anche alcune altre opere della Storia dell’arte che lo stesso Picasso, in qualche modo, cita in Guernica ed altri capolavori di artisti come Pier della Francesca e Salvador Dalì che consentono una ulteriore riflessione ed attualizzazione del tema della guerra.

Al termine è previsto un intervento di Barbara Schiavulli, corrispondente di guerra e scrittrice, che ha seguito i fronti caldi degli ultimi vent'anni, come Iraq e Afghanistan, Israele, Palestina, Pakistan, Yemen, Sudan.

invito

Video. Forlì, Pace e guerra. Dopo Guernica fra gli studenti

video incontro (A. Righini)

video incontro (B. Schiavulli)

 

 

Citizenkit - IL BUONGOVERNO

 

"Arte e politica: tre casi di pace, di guerra e di convivenza"

IL BUONGOVERNO DI AMBROGIO LORENZETTI

(Pierangelo Schiera)

12 febbraio 2016, ore 11.15

Palazzo Romagnoli - Via Albilicini, 12 - Forlì

Il Buongoverno nel Palazzo Pubblico di Siena è opera fondamentale non solo della storia dell’arte, ma anche della storia della politica, al centro del passaggio al mondo moderno che si compie in Italia coll’Umanesimo.

Dipinto verso il 1340 da Ambrogio Lorenzetti sui muri del salone in cui si riunivano i governanti della città, l’enorme affresco si sviluppa su tre pareti, di cui due offrono rispettivamente gli “effetti” del cattivo governo (tirannide) e del governo buono (quello senese dell’epoca), mentre la parete centrale contiene una sintesi prodigiosa dei princìpi fondamentali del buongoverno. Questi vanno dalle ragioni teologiche che allora dominavano ogni forma di generale ragionamento, alle misure più pratiche, concrete e anche dolorose che consentivano al governo senese di funzionare, in nome di un’idea-forza centrale che era il Bencomune, impersonata nella figura solenne di un Gran Vecchio che, circondato dalle sue Virtù, tiene in mano il capo di una corda che, passando per la virtù civile della Concordia, partiva dalla figura complessa della Giustizia.

Schiera prova a dare una lettura laica dell’affresco, concentrandosi sull’altra virtù civile della Pace, resa da Ambrogio in una positura chiaramente melancolica: segno di incertezza, dubbio, tormento, ma anche dinamica sempre aperta verso il futuro.

invito

video incontro

Citizenkit - LA CITTA'

 

"Legalità, responsabilità e partecipazione sociale"

LA CITTA'

(Niccolò Cuppini - Pierangelo Schiera)

16 gennaio, ore 11.15

Salone Comunale - Piazza Saffi, 8 - Forlì

invito

Verso una teoria politica della città globalizzata

Rapsodie urbane. Un dialogo sulla città contemporanea

video incontro